Sei un nuovo utente ?

comunicati stampa

Premi In/Architettura 2020
18 Dicembre 2020 

Assegnati i PREMI IN/ARCHITETTURA 2020  - promossi da In/Arch e  ANCE in collaborazione con Archilovers. Alla cerimonia di premiazione nazionale trasmessa in streaming hanno partecipato il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, i premiati e alcuni membri della giuria, presieduta dal filosofo e allievo di Gillo Dorfles Aldo Colonetti, e composta dal Presidente dell’In/Arch Andrea Margaritelli, dal Direttore generale dell’ANCE Massimiliano Musmeci, dall’imprenditore e già presidente dell’In/Arch Adolfo Guzzini, dal Presidente di Edilportale Ferdinando Napoli, dal critico di architettura Stefano Casciani, dall’architetto spagnolo Carme Pinòs e dall’arch. Monica Alejandra Mellace.

 

Giunge così al termine un lungo percorso che ha visto, nei mesi scorsi, la presentazione, grazie alla piattaforma di Archilovers, di oltre 1260 candidature, l’assegnazione di Premi in tutte le 20 regioni italiane, l’organizzazione di 9 eventi regionali.

 

I premi nazionali per interventi di nuova costruzione sono stati assegnati al Memoriale della Shoah di Milano,  progettato dallo studio Morpurgo de Curtis Architetti Associati e realizzato dall’impresa Sacaim e Percassi,  ed alla residenza Torre Bianca a Gagliano Del Capo (LE),  progettata dall’arch. Lorenzo Grifantini e realizzata dalle imprese Das Impresit e Ginevra srl.

 

In questa categoria la giuria ha assegnato anche una menzione speciale al Laboratorio e centro socio educativo per persone diversamente abili a Erba, commissionato da Noivoiloro - Società Cooperativa Sociale Onlus, progettato dallo studio  IfDesign  di Ida Origgi e Franco Tagliabue Volontè e realizzato da Stampini S.r.l.

 

I premi nazionali per interventi progettati da giovani progettisti sono stati assegnati a:

 

Residenze temporanee al Cappuccino Vecchio a Matera, commissionate dall’ Arcidiocesi di Matera-Irsina - Ufficio Caritas, progettate da Massimo Acito - OSA architettura e paesaggio e realizzate da Cogem S.r.l.

Microutopia a Milano, commissionato da Stefano Bernardoni, Bottega Immagine Centro Fotografia Milano, progettato da Francesco Ursitti e realizzato dall’impresa Impresa Maresca.

 

Scuola secondaria Enrico Fermi a Torino, commissionata da Fondazione Agnelli e Compagnia di San Paolo, progettata dallo studio BDR bureau di Alberto Bottero e Simona della Rocca e realizzata dall’impresa D'Engineering S.r.l.

 

Il premio nazionale per interventi di rigenerazione urbana è stato assegnato al nuovo Lavazza Headquarters a Torino, commissionato da Luigi Lavazza spa, progettato dallo studio CZA Cino Zucchi Architetti e realizzato delle imprese Colombo Costruzioni, AZA Aghito Zambonini e Frea&Frea.

 

In questa categoria la giuria ha assegnato anche una menzione speciale al Borgo Biologico

a Cairano (Avellino), commissionato dal Comune di Cairano, progettato dallo studio  Verderosa  di Angelo e Benedetta Verderosa e realizzato dall’impresa Edil Geo.

 

Il premio nazionale per un’opera di riqualificazione edilizia è stato attribuito al nuovo Museo degli Innocenti a Firenze, commissionato dall’Istituto degli Innocenti, progettato da Ipostudio e realizzato dall’impresa Gruppo Fallani srl.

 

In questa categoria la giuria ha assegnato anche una menzione speciale al recupero della ex-Fornace di Riccione,  commissionato dal Comune di Riccione, progettato da Pietro Carlo Pellegrini

e realizzato da UNIECO soc. coop.

 

A queste categorie di premi si è affiancata l’assegnazione di alcuni Premi Speciali associati ad aziende e istituti di ricerca partner dei Premi IN/ARCHITETTURA 2020, ed in particolare:

 

Il premio speciale Architettura solare in contesti di pregio, nell’ambito del progetto europeo “bipv meets history”, è stato assegnato al Parco urbano isola della Certosa Venezia commissionato da VDV Srl, progettato da Sofia Tiozzo Pezzoli e ralizzato da Solmonte Srl – GruppoSTG.

 

Il premio speciale Listone Giordano è stato assegnato a Casa K a Perugia, progettato da Alessandro Bulletti e Giovanna Bignami e realizzato dall’impresa: Brozzetti & Biscarini s.n.c.;

 

Il premio speciale Vimar è stato assegnato a Casa BS a Ostuni, commissionato da Balthasar Schramm, progettato dallo studio Reisarchitettura di Nicola Isetta e Paola Rebellato  e realizzato dall’ impresa Sirio Costruzioni e Restauri.

 

Il premio speciale Willis Towers Watson è stato assegnato a Powerbarn - polo per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili a Russi (Ra), commissionato da PowerCrop, progettato da Giovanni Vaccarini e realizzato dall’impresa Termokimik Corporation SpA.

 

Premio alla Carriera a Maria Giuseppina Grasso Cannizzo, per il suo impegno ostinato per una personalissima ridefinizione della figura dell’architetto come autore, come progettista, che non si fa semplice mediatore di esigenze economiche ma vuole catalizzare cultura, memoria e materia in forme diverse del costruire e dell’abitare.  

 

Il premio Bruno Zevi per la diffusione della cultura architettonica è stato conferito alla Fondazione Prada della quale è stato riconosciuto il ruolo esemplare come istituzione privata, emanazione di una cultura industriale che apre le sue prospettive progettuali all’intero mondo dell’arte, del cinema e dell’architettura.