Sei un nuovo utente ?

LAVORI ALL'ESTERO

Info
SURE: la Commissione UE presenta al Consiglio proposte per un sostegno al lavoro di € 81,4 miliardi
24 Agosto 2020 

Per far fronte alla crisi economica causata dalla pandemia da Coronavirus, l’Unione europea ha previsto diversi strumenti di ripresa e sostegno alle economie degli Stati membri, tra queste vi è SURE, strumento volto a preservare l’occupazione. La Commissione Europea ha oggi presentato al Consiglio europeo una proposta dal valore di 81,4 miliardi di euro: solo dopo l’ok del Consiglio Europeo, gli aiuti saranno erogati agli Stati membri destinatari sotto forma di prestiti con interessi agevolati.

 

Dopo aver consultato gli Stati membri che ne hanno presentato richiesta e valutato le loro proposte, la Commissione ha deciso di proporre al Consiglio Europeo il seguente stanziamento di fondi a 15 Stati membri:

Belgio

7,8 miliardi di €

Bulgaria

511 milioni di €

Cechia

2 miliardi di €

Grecia

2,7 miliardi di €

Spagna

21,3 miliardi di €

Croazia

1 miliardo di €

Italia

27,4 miliardi di €

Cipro

479 milioni di €

Lettonia

192 milioni di €

Lituania

602 milioni di €

Malta

244 milioni di €

Polonia

11,2 miliardi di €

Romania

4 miliardi di €

Slovacchia

631 milioni di €

Slovenia

1,1 miliardi di €

 

Tra i 15 Stati membri destinatari del sostegno figura l’Italia, per la quale è prevista la quota più alta di fondi, pari a 27,4 miliardi di euro, seguita poi dalla Spagna con 21,3 miliardi di euro.

 

I fondi erogati dall’Unione europea permetteranno agli Stati membri di affrontare aumenti repentini della spesa pubblica per sostenere l’occupazione. In particolare, concorreranno a coprire i costi direttamente connessi al finanziamento di regimi nazionali di riduzione dell'orario lavorativo (Cassa Integrazione) e di altre misure simili, rivolte soprattutto ai lavoratori autonomi, introdotte in risposta alla pandemia di Coronavirus.